danielino 77

I protagonisti di Exvapo: intervista a Danielino 77

Abbiamo voluto intervistare Daniele Maria Zingaretti alias Danielino77, colui che sarà tra i protagonisti di Exvapo 2017 il 4 ed il 5 febbraio alla Mostra d’Oltremare di Napoli.

Il suo punto di vista sulla comunità dei vapers e qualche consiglio per chi solo ora si avvicina al mondo dello Svapo. Il suo canale Youtube conta migliaia di followers come la pagina Facebook che utilizza costantemente per confrontarsi con tutta la comunità dello svapo.

  • Mancano pochi giorni ad Exvapo, sei carico? Che ambiente ti aspetti?
  • Carico almeno quanto le batterie!  Mi aspetto senza dubbio il clima classico che c’è stato in tutte le fiere italiane ed estere a cui ho partecipato ma prevedo, così come il mondo dello svapo sta facendo, un ricambio di generazione che tendenzialmente abbassa l’età dei Vapers e quindi dei partecipanti alla fiera.

 

  • Daniele, come è iniziata la tua passione per lo Svapo?
  • E’ iniziata alla fine del 2010 per smettere di fumare, comprai una T-Fumo prima ed una Life poi (acquistata in Farmacia), che gettai dopo qualche settimana tornando a fumare. Poi vidi una Ego con atomizzatore 510 a Lanetta di Perlon, capienza 5 gocce di liquido (molti non sapranno cos’è) in mano ad un amico, provai e da lì iniziai a frequentare i forum ed i canali YouTube esteri iniziando ad ampliare la mia cultura. Dopo poche settimane ero già pieno di Big Battery ed atomizzatori. Poi fondai un forum insieme a degli amici, poi il canale Youtube e poi un battito di ciglia e siamo arrivati al 2017.

 

  • Cosa fai nel tempo libero? Se hai un’ora di tempo qual è la prima cosa che fai?
  • In questo periodo mi siedo al buio e penso ( XD è la verità ) se poi non dovessi aver bisogno di pensare, penso con la luce accesa (XD ed è sempre la verità).

 

  • Cosa ne pensi degli ultimi accadimenti di “sigarette esplose”? Ormai le discussioni sul web impazzano…
  • Sono anni (e vi assicuro, anni) che leggo notizie sulle esplosioni delle sigarette elettroniche e quasi sempre gli articoli si focalizzano sulla pericolosità dei dispositivi citandoli in forma generale. Solo ultimamente si iniziano a fare nomi e cognomi dei PV incriminati. Ultimamente ho letto dello sfiato di una batteria in un tubo meccanico che avrebbe fatto schizzare l’atomizzatore come un proiettile. Mettiamo tutto dentro al calderone, notizie vecchie, notizie nuove e riassumiamo con: le sigarette elettroniche sono dei dispositivi elettronici e come tutti hanno una percentuale di rischio (Es. Cellulari); se poi il vapers si spinge per moda o emulazione verso rigenerazioni o utilizzi impropri e privi di “sale in zucca”, quella percentuale aumenta;  se a questo aggiungiamo anche la sregolatezza, in alcuni casi, presente ancora nel commercio, quella percentuale sale ancora. Evito di proseguire, il messaggio mi pare abbastanza chiaro.  Rimane inteso che “Bellaziodapauratièguardachemesocomprato” rimane uno dei mali del mondo dello Svapo.

 

  • Se dovessi dare un consiglio a chi vuole iniziare con lo Svapo, cosa gli diresti?
  • Dipende se si inizia con lo Svapo per cercare di smettere di fumare o se si inizia con lo Svapo fine a sè stesso. In entrambe i casi posso solo dire che respirare l’aria è più salutare (per quanto l’aria delle nostre città possa esserlo), ma se siete dei fumatori, provateci, iniziate aldilà che poi diventi strumento per smettere o addirittura hobby.

 

  • Qual è il prodotto che ti ha sorpreso positivamente tra le ultime novità?

I nuovi Kit JustFog senza dubbio per chi non ha idea di cosa sia lo Svapo ma sa solo che vuole smettere di fumare senza troppe pretese (JustFog nella sua semplicità mi stupisce e si dimostra, parere, superiore a Joyetech).  Aspire con il buon VECCHIO Nautilus per chi vuole smettere, non esige qualcosa di molto piccolo, ma non ha voglia di andare oltre allo smettere di fumare.  GeekVape  ed Eleaf come aziende, perchè hanno reso commerciali alcuni tipi di prodotti  (anche se poi altre aziende li hanno migliorati). Se poi entriamo nel campo delle Mod con tirature più limitate per non fare torti a nessuno, dico: tutto quello che i Vapers hanno acquistato provandone soddisfazione (diplomazia obbligatoria XD).

Exvapo 2017 – Ecco le attività della Fiera sullo Svapo

L’attesa per la prima Fiera sullo Svapo del Sud Italia sta per terminare, ed è arrivato il momento di iniziare a svelare alcune delle attività rivolte ai vapers che si svolgeranno all’interno della Mostra d’Oltremare.

Tutte le persone che compongono la comunità dello Svapo sono attive per rendere spettacolare l’intrattenimento della due giorni fieristica, come per le già definite gare di cloud chasing che vedranno come protagonisti tutti i vapers che vorranno mettersi alla prova con questa spettacolare competizione.

Exvapo ha inoltre coinvolto alcuni dei personaggi più influenti del mondo vaper come Danielino77 ed il Santone dello Svapo, che saranno attivi sia per il confronto con il pubblico che con le aziende presenti all’interno della Mostra d’Oltremare.

Cloud Chasing

 

Oltre agli eventi live che coinvolgeranno le migliaia di persone che già hanno stampato il loro ticket gratuito per saltare la fila (clicca qui), sarà possibile partecipare alle attività della fiera anche in modo più social.

Partirà infatti nei prossimi giorni il concorso “Svapa e vinci” aperto a tutti quelli che vorranno rendersi protagonisti di una svapata d’autore. I concorrenti non dovranno fare altro che mettere un like alla nostra pagina, pubblicare le proprie svapate con l’hashtag #SvapaeVinci  e condividere ai propri amici.

I vincitori saranno coloro che avranno raggiunto più like al proprio post fino alle 20:00 di venerdì 3 febbraio.

In palio ci saranno diversi Kit e accessori da veri vapers come il fantastico SX ML Class by YiHi!

Vi aspettiamo numerosi il 4 ed il 5 Febbraio alla Mostra d’Oltremare per un evento UNICO!

 

 

 

Nuove ricerche sull’uso di e-cig: i pareri dei medici

svapo

L’uso di e-cig può aiutare i fumatori affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva a ridurre il consumo di sigarette tradizionali o addirittura a smettere definitivamente, con ricadute positive in termini di migliorata sintomatologia e qualità della vita.

Il Respiratory Research

L’argomento ecig e vaping come sappiamo sono argomenti delicatissimi da commentare per l’intera comunità scientifica, anche se risultano essere sempre di più gli esperti di medicina che esprimono pareri favorevoli sull’aiuto che le sigarette elettroniche hanno sulla salute dei Vapers.

Proprio in questi giorni si è parlato della ricerca appena pubblicata sulla rivista Respiratory Research sull’uso di e-cig può aiutare i fumatori affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva a ridurre il consumo di sigarette tradizionali o addirittura a smettere definitivamente, con ricadute positive in termini di migliorata sintomatologia e qualità della vita. Lo studio è stato condotto da Riccardo Polosa, professore ordinario dell’Università degli Studi di Catania e coordinatore del Comitato scientifico per la ricerca applicata alla sigaretta elettroniche promosso dalla Lega Italiana Anti Fumo.

Tra i collaboratori, Jaymin B. Morjaria del Royal Brompton & Harefield Hospital del Regno Unito, Cosimo M. Bruno e Pasquale Caponnetto dell’Università di Catania, Umberto Prosperini dell’Ospedale “San Vincenzo” di Messina, Cristina Russo dell’Arnas Garibaldi di Catania e Alfio Pennisi della Casa di Cura Musumeci-Gecas di Catania.

I pareri della comunità

Il team che ha svolto questo lavoro gode di grande stima da parte della comunità scientifica, come nel caso del Prof. Carlo Cipolla, tra i promotori del Comitato Internazionale sulla Sigaretta Elettronica, il team di medici che hanno scritto al ministro Lorenzin di tenere in considerazione il vaping come strumento di riduzione del danno da tabacco. Ecco quanto dichiara in un’intervista per Sigmagazine: Purtroppo i gruppi attivi sono pochi, direi che il migliore è quello coordinato dal professor Riccardo Polosa della Universita’ di Catania. La realtà è che   nessuno mette quattrini sulla prevenzione e men che meno sulla battaglia al tabagismo. La lotta antifumo non ha sponsor, quindi questo significa che non esistono borse di studio, progetti, ricerca. Ma se si guarda invece a livello europeo gli studi sono numerosissimi.

L’impegno della ricerca nel tracciare i benefici salutari che si evidenziano con l’utilizzo della sigaretta elettronica sono in continuo sviluppo nonostante le difficoltà che in generale attraversa tutto il settore della ricerca scientifica nazionale, ed è il confronto, sia online (forum, blogger, social network) che offline (fiere, raduni, inaugurazioni), che ha fornito ai consumatori una migliore informazione sui prodotti sicuri e conformi alle norme legislative.